IspirazioneLa Donna di Fuoco - Elisa Renaldin

14 settembre 2019by Elisa Renaldin

LA DONNA DI FUOCO

Se una donna
dovesse basare la sua esistenza
solamente sui rapporti interpersonali,
sarebbe una donna finita.
Nel momento in cui trova, o ritrova,
in se stessa la dignità, l’amor proprio,
le passioni e le attitudini personali,
ha un’ancora di salvezza che
la porta a sviluppare la sua interiorità
per realizzare se stessa
col suo agire centrato e gioioso,
dinamico, creativo e nutritivo.
Una donna
non è nata per assecondare gli altri
e per assumere ruoli secondari
di accondiscendenza e tolleranza incondizionata,
ma per esprimere appieno i suoi talenti e realizzarsi,
e il modo in cui le sue azioni agiscono
positivamente per il bene comune,
è direttamente proporzionato
alla libertà che si concede di esprimersi,
senza farsi intrappolare in dinamiche di oppressione e staticità.
“La donna è mobile”
non significa che è una pazza furiosa
in balia del vento,
ma che ha necessità di essere in movimento
come un mare
che è ricco di vita,
e non può essere tenuta ferma
come una pozza morta.

Non puoi pretendere
di avere una Donna di Fuoco
e poi stancarti del calore che emana,
scappare
di fronte ai suoi tizzoni ardenti
o cercare di imbonirla
con un flusso d’acqua.
Se vuoi
l’ardore della sua Fiamma
e l’energia della sua Luce,
devi correre il rischio di scottarti.

ASCOLTA L’AUDIO

Musica: Start shootin’ – Little people

Elisa Renaldin

https://elisarenaldin.it/wp-content/uploads/2018/11/renaldin-logo-whi.png

Seguimi sui canali social:

Elisa Renaldin – Copyright © 2018

Elisa Renaldin – Copyright © 2018